Grazie a questa guida capirai come funziona il tuo cervello e riuscirai a capire come lavorare per migliorare te stesso e cambiare la tua vita in meglio.

Vedremo il funzionamento del cervello umano e dei meccanismi interni che regolano il susseguirsi di esperienze che vivi ogni giorno.

In questo articolo vedrai

  • I tre tipi di cervello
  • Le funzioni che regolano le tue attività giornaliere
  • I sistemi che processano ogni informazione che attraversa la tua mente
  • E tanto altro ancora

Creare una vita migliore

Il cervello è una vera e proprio miracolo della vita.

Grazie a lui, puoi essere una persona di successo, fantastica, amorevole, felice oppure puoi condurre una vita di paura, oblio, insuccessi e negatività.

Tutto sta da come riesci a programmare questo grandissimo computer affinché ti permetta di evolvere verso il tuo massimo bene.
Vuoi sapere come? 

Allora diamo il via alle danze!

Se conosci controlli

Se vuoi lavorare su te stesso e cambiare le tue credenze devi conoscere come funziona il cervello, altrimenti sarebbe come guidare un’auto senza sapere come funziona il motore: potresti continuare sereno il tuo viaggio fino al primo imprevisto. A quel punto sarai costretto a chiamare un meccanico.

E se riuscissi a riparare il guasto in totale autonomia non sarebbe fantastico? La stessa cosa succede con la tua mente.

Ci sono i giorni in cui va tutto bene, ma quando succede qualcosa che altera il tuo stato mentale ti ritrovi a perdere il controllo di tutto; a quel punto ci sono poche soluzioni: aspetti che passa da solo, chiami un “meccanico del cervello” oppure, se conosci come funziona la tua super macchina riprendi in mano la tua vita.
A te la scelta!

Le parti principali del cervello

Le parti del cervello, il cervello rettiliano, il cervello mammifero o zona limbica, la neocorteccia

Le parti del cervello

Possiamo identificare tre parti secondo il quale è diviso il cervello

Il cervello rettiliano è la prima parte sviluppata, e regola l’istinto e i riflessi innati.

Le parti che si sono conservate fino ad oggi corrispondono al tronco cerebrale o cervello mammifero, zona in cui tutti i segnali nervosi vengono smistati e organizzati per poi essere distribuiti al corpo. Questa parte si è sviluppata circa 500 milioni di anni fa.

Il cervello mammifero o zona limbica si è sviluppato successivamente regola la parte emozionale.

È quella parte che ti fa ragionare con le emozioni, ti fa creare, visualizzare, immaginare e fare tutte le cose che vedono protagoniste la creatività

La neocorteccia è divisa in due parti e si occupa di gestire in modo razionale tutte le informazioni che arrivano al cervello.

Questa zona è esclusiva dell’essere umano, anche se a volte egli non la sfrutta a dovere, lasciando predominare la parte istintiva ed emozionale.

La neocorteccia

Questa zona è anche chiamata materia grigia ed è composta da più di 15 miliardi di neuroni ognuno dotato di capacità strabilianti grazie al quale compi i gesti di ogni giorno

È la sede dell’intelletto e del discernimento che (se usato bene) ti permette di crearti una vita fantastica.

Le funzioni principali di questa zona sono la ricezione di informazioni, l’analisi a cui segue una classificazione emotiva dell’informazione e la memorizzazione di colori, forme, numeri, scienze, arti eccetera. 

La neocorteccia è composta dall’emisfero destro e sinistro

L’emisfero destro generalmente gestisce le informazioni affettive ed emozionali che ci permettono di riconoscere una situazione.

Attribuisce ad ogni emozione un colore legato al nostro modo di percepirla.
È sempre connesso con la nostra immaginazione e l’intuizione e partecipa attivamente all’elaborazione dei sogni. 

Corrisponde al lato femminile e governa la parte sinistra del corpo.

L’emisfero sinistro svolge compiti più razionali come leggere, parlare, contare, riflettere, analizzare, stabilire collegamenti e fare qualsiasi tipo di pensiero logico.

Corrisponde al lato maschile e governa la parte destra del corpo.

_

I-due-emisferi-del-cervello-emisfero-sinistro-emisfero-destro-come-funziona-il-cervello

.

I due emisferi sono uniti tra di loro attraverso una membrana chiamata corpo calloso che permette il trasferimento delle informazioni.il corpo calloso è la membrana che unisce le l'emisfero destro con quello sinistro nel cervello

Grazie ad un fantastico e intreccio di informazioni riusciamo a capire se la persona che sta parlando con noi al telefono è triste o felice e se parlarle o chiudere la conversazione.

Quando un’informazione giunge a noi viene filtrata e inoltrata direttamente alla materia grigia grazie al quale riusciamo a capire se questa è giusta o sbagliata in base al nostro discernimento e al sistema di credenze in noi.

_

Il cervello limbico

 le-parti-del-cervello-Il-cervello-limbicoDetto anche cervello mammifero è considerato il perno del cervello e permette l’elaborazione delle informazioni . Qui ci transitano la neocorteccia e l’ipotalamo.

Il cervello mammifero è il centro della reattività emotiva, della motivazione, della formazione, dell’integrazione della memoria, dell’olfatto e dei meccanismi per mantenerci al sicuro.

È lui che fornisce la motivazione ad agire che viene trasmessa all’ipotalamo che darà gli input al nostro sistema neurovegetativo ed endocrino per agire sugli organi.

Questa parte del cervello ha il compito di immagazzinare il pensiero, che è stato scannerizzato e analizzato dalla materia grigia, e archiviarlo nella memoria emozionale.

L’analisi fornisce le informazioni in grado di classificare l’esperienza: se il pensiero o esperienza è classificata positiva o gradevole sarà un’azione che si potrà ripetere mentre se negativa il cervello farà in modo di non farcela più rivivere . 

Il problema è che questa parte non ha discernimento e non riflette, perché non ne ha la capacità, e quindi può classificare tra le situazioni da ripetere, anche quelle che sono sconvenienti per noi.

Hai mai sentito dire “cane scottato con l’acqua calda teme l’acqua fredda?”

Immagina che un cane randagio si prende una secchiata d’acqua bollente, gettata da un signore che impaurito dai cani che compie quel gesto per allontanarlo. Durante quell’esperienza l’informazione viene trasmessa al cervello limbico dell’animale dove verrà elaborata concludendo “acqua=pericolo” di conseguenza da evitare.

Quando succederà una situazione in cui il cane vede un getto d’acqua arrivargli contro, il sistema limbico elaborerà subito l’informazione in archivio secondo la quale l’acqua costituisce un pericolo, quindi trasmetterà l’informazione al corpo che, grazie ad altri processi, produrrà un surplus energetico in grado di farlo scappare da quella situazione secondo la sua memoria da non ripetere.

Come l’esempio sopra citato, la stessa cosa succede anche a noi e, analogamente è possibile che una situazione che provoca una reazione emotiva sia in risonanza con un evento del passato che è stato registrato dal cervello limbico.

Quando finisce una storia d’amore, nella maggior parte dei casi sì prova un sentimento di dolore dovuto alla separazione.

In questo caso il cervello limbico registra questo avvenimento come negativo; da qui conclude amore=soffrire. Sarà questo programma registrato che nelle relazioni future ci farà compiere atti poco ragionevoli, che creeranno possibilmente una chiusura da parte nostra nei confronti del partner producendo vari conflitti nel rapporto.

Ecco perché quando si è ignari dei meccanismi del cervello si tende a ragionare per eventi passati che limitano le esperienze del presente, e non ci fanno vivere a pieno qualsiasi momento.

Se vuoi vivere una vita libera e serena ti consiglio di rimanere incollato alla lettura e comprendere al meglio ogni passo

L’ipotalamo

le-parti-del-cervello-ipotalamoL’ipotalamo è situato tra i due emisferi celebrali ed è costituito da un insieme di vie nervose da cui partono e arrivano i messaggi del sistema nervoso.

Esso agisce stimolando i processi di tipo neuro ormonali che innescano delle secrezioni ormonali atte a muovere il corpo.

La sua funzione è di tipo esecutivo e si limita ad eseguire un ordine senza capire né sapere se tale ordine è sbagliato oppure no.

Grazie a due sistemi di controllo chiamati ortosimpatico e parasimpatico coordina le relazioni tra gli organi e regola le funzioni di tipo vegetative (indipendenti dalla nostra volontà cosciente).

Il sistema parasimpatico regola le funzioni di riposo e recupero e predomina durante il sonno. È lui ad attivare le secrezioni di tipo salivari e lacrimali, a contrarre l’iride, ad aumentare la secrezione gastrica, ad accelerare il processo digestivo, a rallentare il cuore e a contribuire a tante altre funzioni.

Il sistema ortosimpatico stimola tutte le funzioni biologicamente necessarie al mantenimento del nostro stato di Veglia, governa le funzioni mentre noi siamo svegli e ci occupiamo della nostra vita quotidiana

Questi due sistemi hanno bisogno di costante equilibrio per funzionare al meglio, se uno dei due predomina a spese dell’altro possono crearsi problemi.

Ad esempio quando è il sistema ortosimpatico (quello che regola le funzioni quando siamo svegli) a essere dominato, si possono accusare sintomi come l’insonnia, l’aumento della pressione, nervosismo e altri sintomi che spesso vengono associati allo stress.

Se invece è il sistema parasimpatico ad andare in deficit si possono accusare sintomi come stanchezza mancanza di energia ha bisogno di dormire maggior bisogno e tanti altri.

Questi due sistemi formano il sistema nervoso che dirige tutte le funzioni degli organi

Un breve riassunto

schema-riassuntivo-di-come-funziona-il-cervello-esplorarelavita

Clicca per ingrandire

Riassumendo ecco che cosa succede in breve quando accadde una situazione nella tua vita o un pensiero viene generato dalla testa.

Il cervello limbico filtra ciò che arriva in base alle informazioni che ha nella sua memoria

L’informazione viene confrontata con i due emisferi all’interno della neocorteccia oppure viene trattenuta da sistema limbico

Se l’informazione viene classificata all’interno della memoria emozionale come gradevole e da ripetere il cervello limbico si attuerà per mandare le informazioni che servono ad attuare l’azione (anche se questa azione può non essere adeguata come nell’esempio del cane).

L’informazione ricevuta viene confrontata con i due emisferi e in base a quello che predominerà si verificheranno una serie di azioni determinate dal tipo di emisfero scelto

Il cervello limbico conserverà in memoria d’azione fatta e in caso di necessità la ripeterà servendosi dei sistemi neurovegetativo ed endocrino per eseguirla.

E quindi? Ora che si fa?

Sapere come funziona la giostra che fa girare la tua vita è solo l’inizio!

Ora quel che ti consiglio di fare è leggere la guida su cosa è il sistema di credenze, che ti permetterà di capire tutti i tuoi limiti e superarli!

Fantastico cosa può fare la consapevolezza eh?

Oppure puoi sfogliare gli articoli e vedere quali titoli ti ispirano di più.

Saranno quelli gli articoli che sceglierai a farti capire dove hai bisogno di lavorare per migliorare te stesso.

La maggior parte delle guide scritte in questo blog, ha un report gratuito alla fine con tecniche ed esercizi che ti permetteranno di seguire un percorso altamente specifico e studiato per la tua crescita.

E se ti stai chiedendo perché faccio tutto questo la risposta è semplice.

Persone con una maggiore consapevolezza e conoscenza creano un mondo migliore, e un mondo migliore significa una vita migliore!

Abbatti i tuoi limiti e aumenta la tua consapevolezza, perché una volta che ti sarai risvegliato, saprai cosa vuol dire veramente libero e sereno! Sii sempre te stesso, ricordati che non c’è nulla di più prezioso della tua essenza!

Esplora la vita scoprendo ogni giorno qualcosa di nuovo che ti farà salire in un gradino più alto di quello in cui eri ieri! Evolvi nell’amore incondizionato!

Ti auguro di vivere una vita fantastica!

P.s. Nello scrivere questa guida ci ho messo tutto il mio impegno.

Che ne dici di aiutarmi ad aumentare la consapevolezza di più persone possibili condividendo l’articolo su Twitter o Facebook? 

P.s.s. Lo sai che esiste una community in cui puoi confrontarti con tante altre persone in evoluzione? Ti piacerebbe farne parte? Clicca qui

E con questo concludo questa guida, che spero ti sia piaciuta! Ci vediamo esploratore!

Lascia un commento